Salmo 19

Inno a Dio per la creazione e per la legge

                                                              i cieli narrano la gloria di Dio

Jesus-sana-los-enfermos-228x300

 

Ora sappiamo perché tante stelle
e sappiamo perché tanti fiori:
siamo noi la coscienza del loro splendere,
noi la coscienza del loro fiorire;
ed è la tua legge la fonte di ogni esistere,
la ragione del nostro pensare ed agire.

1 Salmo. Di Davide.
2 I cieli narrano la gloria di Dio,
l'opera delle sue mani annuncia il firmamento.
3 Il giorno al giorno ne affida il racconto
e la notte alla notte ne trasmette notizia.
4 Senza linguaggio, senza parole,
senza che si oda la loro voce,
5 per tutta la terra si diffonde il loro annuncio
e ai confini del mondo il loro messaggio.
Là pose una tenda per il sole
6 che esce come sposo dalla stanza nuziale:
esulta come un prode che percorre la via.
7 Sorge da un estremo del cielo
e la sua orbita raggiunge l'altro estremo:
nulla si sottrae al suo calore.
8 La legge del Signore è perfetta,
rinfranca l'anima;
la testimonianza del Signore è stabile,
rende saggio il semplice.
9 I precetti del Signore sono retti,
fanno gioire il cuore;
il comando del Signore è limpido,
illumina gli occhi.
10 Il timore del Signore è puro,
rimane per sempre;
i giudizi del Signore sono fedeli,
sono tutti giusti,
11 più preziosi dell'oro,
di molto oro fino,
più dolci del miele
e di un favo stillante.
12 Anche il tuo servo ne è illuminato,
per chi li osserva è grande il profitto.
13 Le inavvertenze, chi le discerne?
Assolvimi dai peccati nascosti.
14 Anche dall'orgoglio salva il tuo servo
perché su di me non abbia potere;
allora sarò irreprensibile,
sarò puro da grave peccato.
15 Ti siano gradite le parole della mia bocca;
davanti a te i pensieri del mio cuore,
Signore, mia roccia e mio redentore.

COMMENTI

mons Ravasi
Due soli, due luci, due parole divine: il sole, la luce e la parola del creato, voce segreta di Dio; il sole, la luce e la parola della Torah, cioè della Bibbia, voce esplicita di Dio. Un famoso commentatore ebreo medioevale scriveva: «Come il mondo non s'illumina e vive se non per opera del sole, così l'anima non raggiunge la sua pienezza di luce e di vita se non attraverso la Torah». II sole non è un dio come Ra o Aton, le divinità solari egiziane, è solo una splendida creatura che, come uno sposo o un corridore, esce dal talamo della notte per correre lungo l'orbita del cielo. E nel suo sfolgorare ha un messaggio superiore cifrato da svelare.
La Torah, la legge di Dio, è invece la parola pura, radiosa ed eterna di JHWH. Chi la accoglie con gioia è come se gustasse un miele dal gusto irraggiungibile, è come se avesse un tesoro ineguagliabile. «La mia Bibbia e la natura: questi sono i miei due libri di fede», esclamava il poeta francese Lamartine nello spirito del nostro cantico dei due dischi solari.
 

DON GIOVANNI NICOLINI
Questo meraviglioso Salmo stabilisce la relazione tra l'eloquente bellezza del creato e la sublimità della Parola di Dio. Questa "Parola" è chiamata , secondo la tradizione ebraica "la Legge"(ver.8), ma è da intendersi appunto come globalmente la Parola di Dio. Però è necessario precisare meglio il paragone. Al centro della creazione c'è il sole, di cui si dice, ai vers.5-7, che tutta la creazione ne è illuminata e che "nulla si sottrae al suo calore", perchè il sole percorre tutto il firmamento da un estremo del cielo all'altro estremo. Mi sembra sia quello che bisogna poi dire della Parola. Ne esce una relazione più articolata e più ricca: come tutto il creato è illuminato dal sole, così tutta l'esistenza umana è illuminata dalla Parola. Si dice quindi lo splendore del creato illuminato dal sole, e lo splendore della vita umana illuminata dalla Parola. Si celebra così l'incontro tra il sole della Parola e la storia dell'uomo.
Proseguendo nel cogliere tale relazione, possiamo notare come ogni creatura, senza linguaggio, senza parola e senza voce (ver.4), sia annuncio divino fino ai confini della terra (ver.5). Così è preziosa ogni vita umana illuminata dalla Parola di Dio (ver.12). Come il sole illumina e riscalda ogni creatura, così la Parola riscalda e illumina ogni vita con la quale s'incontra. Infatti la Parola, che nei vers.8-12 assume vari qualificazioni – legge del Signore e testimonianza del Signore al ver.8, precetti e comandi al ver.9, timore del Signore e giudizi del Signore al ver.10 – riempie di sè ogni vita umana che incontra e la rende splendida. Questo ci spinge a sottolineare l'espressione che al ver.6 qualifica il sole come "sposo che esce dalla stanza nuziale": la Parola di Dio crea e stabilisce e incessantemente rinnova la comunione nuziale tra Dio e la sua creatura amata.
Ringraziamo dunque il Signore che ogni giorno rinnova e conferma la nostra comunione nuziale con Lui nel dono della sua Parola.
I vers.13-14 dicono come peraltro questo evento di illuminazione e di comunione sia ancora in gestazione, non sia mai finito! Inavvertenze , peccati nascosti, ed sopratutto l'orgoglio ancora oscurano e appesantiscono la nostra vita. In ogni modo, il Signore voglia gradire, dice il ver.15, le parole della nostra bocca e i pensieri del nostro cuore, e cioè quello che, pur viandanti non giunti alla meta, già oggi possiamo esprimere davanti a Lui, nostra roccia e nostro redentor

 ROBERTO TUFARIELLO

"I cieli narrano la gloria di Dio, l'opera delle sue mani annuncia il firmamento". Dopo l'illuminante pagina di Giovanni sulla relazione tra "l'eloquente bellezza del creato e la sublimità della Parola di Dio", mi soffermo su un pensiero semplice: sul persistente messaggio che ci perviene dai "cieli" e dalla nostra terra e da tutto ciò che dà forma alla nostra vita. Abituati come siamo a considerare il soprannaturale più importante del naturale, non ci accorgiamo forse della Parola insita nei miracoli quotidiani della nostra esistenza. Per la nostra famiglia quest'anno è stato ricco di "miracoli": quando i nostri gemelli Davide e Simone hanno cominciato a "gattonare", rapidi come fulmini; quando si sono "staccati" da soli su due piedi... e adesso il nonno deve già rincorrerli; o quando hanno iniziato con le parole (e l'apprendimento del linguaggio è un altro affascinante mistero)... – Alziamo lo sguardo, ed ecco: "il sole esce come sposo dalla stanza nuziale: esulta come un prode che percorre la via. Sorge da un estremo del cielo..., nulla si sottrae al suo calore...".

 Celina

Al v.7 dice che non c'è nessuno che si nasconde dal suo calore. Mi è venuta in mente l'immagine che abbiamo incontrato nel Salmo 13/14: "Il Signore dal cielo si china sui figli dell'uomo
per vedere se c'è un uomo saggio,uno che cerchi Dio. Sono tutti traviati, tutti corrotti;
non c'è chi agisca bene, neppure uno." (Sal 13/14, 2-3).
Non c'è nessuno che sia saggio, che sia giusto.
Eppure non c'è nessuno che sia escluso dal Suo calore.
Mi è piaciuto molto che del sole oggi si sottolinei l'aspetto del calore, ancor più che l'aspetto della luce. Ho ripensato a quel versetto del Quoelet: "ma uno solo come fa a riscaldarsi?" (Qo 4,11)
L'immagine del calore del sole è forse anche per dirci che Lui, lo Sposo, non ci lascia soli.
E in questo senso è bellissimo che la preghiera di oggi si concluda mettendoci sulle labbra l'espressione 'mio redentore'. E' la parola che indica il " goel," il riscattatore, quel parente più vicino che, secondo la Legge, deve sposare la donna rimasta vedova . Perché , appunto, non rimanga sola.

Dossologia
Sia gloria al Padre nell'alto dei cieli,
sia gloria al Figlio, suo eterno splendore,
e allo Spirito, cuore del mondo,
pure all'uomo, suo volto, ancor gloria!

Preghiera
Padre, che hai creato il sole a illuminazione del giorno, immagine del tuo Figlio, luce vera che illumina ogni uomo; Padre, autore della Legge, splendore che illumina ogni legge, fonte di ogni santità; Padre, cui tutto il creato scioglie l'inno di lode, donaci un cuore puro per essere anche noi luminosi della tua luce, e seguendo la tua via possiamo giungere a contemplare senza veli il tuo volto, e a cantare con tutto il creato la tua gloria nel giorno che non conosce tramonto. Amen.

Inserito da  Giovedì, 10 Luglio 2014 Letto 908 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti